Martedì, 28 marzo 2017

 
 
 

Camorra e racket. Alunni in campo per la legalità

L’iniziativa degli alunni delle scuole di Ercolano, con l’aiuto di chiese ed associazioni

20-03-2017
di Redazione

 

Rispetto per l'ambiente, lotta alle discariche abusive e al racket: è quanto hanno chiesto gli alunni delle scuole di Ercolano che nella mattinata di lunedì 20 marzo hanno percorso le strade cittadine dalla località San Vito fino a piazza Pugliano dove si è svolta l'iniziativa “Ambiente di speranza. Testimoni di bellezza, legalità, ambiente” a cui hanno partecipato rappresentanti delle forze dell'ordine, amministratori comunali, docenti, chiese e associazioni.

I più piccoli hanno issato cartelloni con foto di luoghi deturpati da discariche abusive, alcune già individuate e per le quali le associazioni chiedono attività di intervento e di bonifica. Dal palco allestito in piazza è stata ascoltata la testimonianza di una mamma che ha perso il figlio per una malattia tumorale e quella di una volontaria, entrambe dell'associazione “Noi genitori di tutti” che hanno invitato a preservare l'ambiente da sversamenti di rifiuti. Altro tema affrontato, negli interventi susseguitisi sul palco, è stato il contrasto al racket, monopolio dei due clan rivali che negli ultimi anni hanno subito colpi durissimi.

“E' una città fortunata – ha spiegato il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto - e io come voi sono fortunato perché grazie a forze dell'ordine e commercianti e associazionismo antiracket sono stati arrestati quasi tutti i camorristi. E se noi riusciamo a vivere in una città libera dalla camorra, lo dobbiamo al coraggio, all'abnegazione e alla professionalità di questi uomini”.

Nel ricordare le vittime innocenti di mafia, gli alunni hanno lanciato palloncini colorati verso il cielo. La giornata di legalità rientra nel progetto “A scuola di sicurezza, legalità, ambiente” svolto in rete con le scuole del territorio.



Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi