Martedì, 23 gennaio 2018

 
 
 

Estorsione, rapina, lesioni e corruzione: arrestato per colpa della moglie

Latitante nel vesuviano da 5 anni: scoperto dalla Polizia dopo avvio pratica di ricongiungimento familiare

10-01-2018
di Marco De Rosa

 

Arrestato dopo che la moglie ha avviato una pratica di ricongiungimento familiare. E’ stato smascherato così, Chunsheng Wang, di 42 anni, a San Giuseppe Vesuviano dalla Polizia, dopo un’indagine durata per tutto il periodo natalizio.

L’uomo, che dovrà scontare 9 anni e mezzo di reclusione perché destinatario di un provvedimento di esecuzione emesso nel giugno del 2012 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, per reati che vanno dal sequestro di persona a scopo di estorsione a rapina, lesioni e corruzione, aveva trovato riparo, insieme alla moglie ed ai tre figli minorenni, in una villetta di San Giuseppe Vesuviano, il cui sottoscala era stato adibito a laboratorio tessile.

Le indagini degli agenti dell’Ufficio Immigrazione sono scattate dopo che la moglie del ricercato, in via telematica, presso lo sportello Unico per l’immigrazione di Napoli,  aveva prodotto richiesta di ricongiungimento familiare a favore del coniuge, dichiarando che lo stesso risiedeva in Cina.

I poliziotti, dopo aver svolto gli opportuni accertamenti, nel consultare gli archivi elettronici della Polizia di Stato, hanno scoperto che l’uomo era destinatario del provvedimento di carcerazione. Insospettiti di tale circostanza, hanno avviato minuziose indagini, scoprendo così che la moglie era residente in Italia da diversi anni e che la procedura di ricongiungimento che aveva avviato, altro non era che un escamotage per tentare di sanare la posizione del marito in Italia.

Gli agenti così, nella mattinata del 9 gennaio, hanno circondato la villetta, a guardia della quale, oltre a delle telecamere di sorveglianza, vi era anche un di pastore tedesco, hanno superato le recinzioni del plesso abitativo, bussando al citofono. Dal retro dell’abitazione, ove erano posizionati i poliziotti, è stato notato molto chiaramente che un uomo, di nazionalità cinese, stava tentando di allontanarsi dal luogo ma, alla vista della Polizia, in maniera frettolosa, rientrava in casa al fine di raggiungere dapprima il terrazzo e poi i tetto, nel vano tentativo di fuggire. I poliziotti, avendo previsto tale possibilità, hanno fatto irruzione nell’abitazione e, in pochi minuti,  hanno raggiunto e bloccato l’uomo, arrestandolo.

Il 42enne è stato condotto dagli agenti alla Casa Circondariale di Poggioreale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi