Lunedì, 23 aprile 2018

 
 
 

Futsal. L’Oplontina ha voglia di dimenticare la Coppa Italia

A tu per tu con il Direttore Generale Matteo Viviano: “Adesso testa al campionato”

11-01-2018
di Marco De Rosa

 

Sono ripresi regolarmente gli allenamenti dell’Oplontina in vista della ripresa del campionato.  Sabato prossimo i ragazzi di mister Capasso sono attesi a Benevento per una gara che si preannuncia molto difficile. Quanto influirà la delusione per la sconfitta nella finale di Coppa Italia sulla prestazione. Di questo e di altro abbiamo parlato con il direttore generale Matteo Viviano.

Direttore che atmosfera si respira in casa dell’Oplontina? C’è amarezza e delusione. O il clima è sereno?

“Arrivare secondi in Coppa Italia alle spalle di una corazzata come il Real Sangiuseppe non è da tutti. La società non può che essere orgogliosa dei propri atleti”.

C’è qualche rammarico?

“Perdere, certo, non fa piacere a nessuno. Ma abbiamo dimostrato di avere carattere e di essere una squadra. Non importa se in finale eravamo malconci.  Molti ragazzi non hanno mai giocato tre gare una dietro l’altra, né tantomeno sono mai scesi in campo in una competizione così importante come la Coppa Italia. La pressione è stata elevatissima ed ha avuto un peso. Abbiamo bisogno di crescere”.

Come possiamo chiudere il discorso Coppa Italia?

“Semplicemente non la dovevamo vincere noi e così è stato. Onore ai vincitori che hanno dimostrato le loro capacità tecniche, ma se mi permette onore a tutti i nostri ragazzi. Lo ripeto sulla carta nessuno avrebbe scommesso su di noi. Siamo andati avanti nel torneo arrivando in finale contro una grandissima squadra ed eliminando altre compagini che stanno facendo un grande campionato e possono contare su calcettisti di grande valore. Mi fa piacere ringraziare anche l’amministrazione comunale di Torre Annunziata. Domenica 7 gennaio, in tribuna d’onore al Palazzetto dello Sport di Cercola, accanto al nostro presidente Andrea Fasolillo ed alla consorte c’erano il vicesindaco Veltro e l’assessore Sofia Donnarumma. Ci fa piacere che la istituzioni riconoscano il lavoro, anche sociale, che stiamo svolgendo sul territorio. Ci auguriamo che nel prossimo futuro ci siano altre occasioni di incontro per diffondere questo sport meraviglioso che è il calcio a 5, soprattutto tra le giovani generazioni”.

E adesso?

“Ora sotto con il campionato. Non possiamo e non dobbiamo mollare la presa.  Ci aspettano i Play Off…”.



Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi