Lunedì, 20 febbraio 2017

 
 
 

Castellammare di Stabia. Abuso d'ufficio: condannato ex sindaco Luigi Bobbio

Processo "cabina di regia". Un anno e 8 mesi al magistrato

17-02-2017
di Redazione

 

Castellammare di Stabia. Abuso d'ufficio: condannato l'ex sindaco Luigi Bobbio. Un anno e 8 mesi di reclusione con interdizione dai pubblici uffici e pena sospesa. E' la condanna inflitta dai giudici del tribunale di Torre Annunziata per l'ex magistrato, primo cittadino stabiese dal 2010 al 2012. Il 3 dicembre, l'ex sindaco venne infatti sfiduciato in consiglio comunale.

La sentenza è giunta al termine del processo sulla "cabina di regia", istituita nell'ottobre 2010 a Palazzo Farnese. L'accusa, per l'ex sindaco di centrodestra, aveva chiesto la condanna a due anni di reclusione. Il testimone di nozze di Luigi Bobbio, Francesco De Vita, il super-consulente della "cabina di regia", è stato invece condannato anche per peculato e, in continuazione con una precedente pena, a 4 anni e mezzo. Per l'ex segretario comunale, Vincenzo Battinelli, è infine giunta una condanna a 2 anni e mezzo.

Secondo l'inchiesta, coordinata dai pm della Procura della Republlica oplontina, Barbara Aprea e Maria Benincasa, la cosiddetta cabina di regia era un "organo fittizio. Uno schermo legale per nascondere, sotto forma di compensi, delle distrazioni di denaro dalle casse comunali". Come coordinatore fu scelto proprio De Vita. "La sua candidatura - così l'accusa nel corso di una lunga requisitoria a processo - arrivò fuori dai termini. Bobbio era unico commissario della procedura di selezione". L'incarico al testimone di nozze dell'ex sindaco sarebbe costata alle casse comunali circa 180mila euro in rimborsi spese. 



Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi