Domenica, 20 agosto 2017

 
 
 

Portici. Il Liceo “Flacco” ricorda Claudio Taglialatela

La sua passione per lo sport troncata dalla malavita come filo conduttore

19-05-2017
di Claudio Di Giorgio

 

Portici. Giornata in memoria di Claudio Taglialatela, 22 anni barbaramente ucciso dalla malavita a Napoli nel 2003 sotto casa di un amico. Dal volto pulito, dalla sensibilità e il comportamento del bravo ragazzo, Claudio era destinato a lasciare la vita per diventare simbolo di umanità contro il vile comportamento della  criminalità organizzata e contro il seme della violenza che “bracca la società”.

Tante le associazioni che gli hanno intitolato le sedi per non dimenticare, tra cui “LIBERA Portici”, l’associazione antiracket e antiusura nel febbraio 2014 nella sede in Villa Fernandes, il bene confiscato alla criminalità organizzata.

Anche il Liceo Classico “Flacco“ ha voluto intitolare a Claudio, che oggi avrebbe avuto più di 30 anni, un torneo sportivo per ricordare anche la sua passione per lo sport e quale ex campione italiano di pallavolo ai giochi della gioventù. “Non per testimoniare solidarietà – ha affermato non senza emozione la mamma Maria  -  ma per ricordare  significativamente i fatti affinché eventi simili non debbano più accadere e perché siano sempre testimoni di verità e giustizia”.

Con il Procuratore Diego Marmo, Don Tonino Palmese, il senatore Vincenzo Cuomo, Leandro Limoccia presidente di Libera Portici, Nicola Alfiero coautore del documento “per amore del mio popolo”, i giovani studenti con canti, danze e domande per ricordare Claudio Taglialatela e ciò che rappresenta il suo ricordo nella società a partire dalla scuola con la sua fondamentale funzione educativa e preparatoria alla vita e al riscatto. Il senatore Enzo Cuomo nel ricordare la sua commozione per l’evento della morte di Claudio ha rilevato la necessità di dare un segnale forte contro la delinquenza e la malavita che non è solo la costante azione delle forze dell’ordine ma l’azione  educativa esortativa e informativa della scuola. E allora Cuomo ha proposto  una iniziativa delle scuole del territorio che prevedano  periodicamente, che un sindaco , un parlamentare, un magistrato si sieda nei banchi tra gli studenti e dialoghi con loro per approfondire  quei temi con la cui conoscenza si potrà sconfiggere la camorra e la cultura della violenza impedendo che si alzino quei muri che sarà poi difficile abbattere.



Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi