Lunedì, 17 giugno 2019

 
 
 

Boscoreale, furto a La Stazione dopo i raid vandalici

Rubati cinque monitor, un pc, una stampante e una cassa. Martire: “Dal Comune occorre più vigilanza”

25-03-2016
di Antonio Tortora

versione accessibile dell'articolo

 

Questa volta il furto è stato compiuto. Se, nella notte tra il 22 e il 23 marzo, il raid vandalico non aveva dato esiti, in questa circostanza è andato a segno. Stamane gli attivisti de “La Stazione” hanno registrato l’undicesimo raid vandalico che, per la quarta volta, si è concretizzato in un furto. I ladri hanno prelevato cinque monitor, un pc, una stampante e una cassa amplificata, oltre ad aver rotto finestre ed inferriate ed aver bucato, in vari punta, le mura del locale. “Nonostante le mille difficoltà continueremo a resistere – spiega Vincenzo Martire, presidente di Stella Cometa-La Stazione –. Chiederemo al Comune, tramite l’Ufficio Tecnico, l’installazione di un paio di telecamere, una rivolta verso i binari ed una verso l’area del benzinaio antistante i locali”. Le continue vessazioni subite saranno nuovamente sottoposte da Martire all’attenzione dei carabinieri che, nel frattempo, ribadisce la necessità di una maggior vigilanza e di provvedimenti atti a scoraggiare simili episodi di criminalità. “Chiederemo, inoltre, che le murature esterne vengano abbassate un poco perché darebbero modo ai ladri di nascondersi e non essere individuati – spiega Martire in riferimento ad alcune strutture situate sui binari – Sarebbe, inoltre, auspicabile una maggiora cura di tutta l’area dei binari affinché vengano eliminate le erbacce che la infestano per poter creare un accesso anche da via Settermini”.

NUOVO RAID VANDALICO


Dì la tua...

 

Leggi i commenti

non ci sono commenti

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi