Martedì, 16 luglio 2019

 
 
 

Dalle ceneri alla rinascita del Vesuvio, Marasco: “Una nuova vita lì dove sembrava tutto perduto”

A due anni dall’incendio che devastò il Parco Nazionale, il reportage fotografico sul versante di Boscotrecase

11-07-2019
di Marco De Rosa

versione accessibile dell'articolo

 

“Non è trascorso giorno da quel luglio che, insieme a tanti altri amici, non lo abbiamo pensato, ripercorso e difeso, testimoniandone ogni volta l'incredibile rinascita che man mano si mostrava anche lì dove tutto sembrava essere perduto”. Vincenzo Marasco, presidente del Centro Studi Nicolò D’Alagno, ricorda così i due anni appena trascorsi dall’incendio che ha devastato il Vesuvio.

L’11 luglio 2017 è una data tristemente nota al popolo vesuviano. Due anni fa, infatti, il Parco Nazionale del Vesuvio fu devastato da una serie di incendi che misero in pericolo vite umane e deturpato migliaia di ettari di vegetazione.

Un disastro ambientale di grandi proporzioni, alla luce del fatto che, ogni anno, migliaia di visitatori decidono di andare sulla vetta del “formidabil monte” e conoscere la storia del Gran Cono e della Costa Vesuviana. A due anni dal disastro, Madre Natura pian piano sta riprendendo quello che gli è stato vigliaccamente tolto.

Marasco in questi giorni ha realizzato reportage fotografico sul versante vesuviano di Boscotrecase percorso fino a quota 800 metri. Oggi il versante vesuviano di Boscotrecase, dopo due anni dall'incendio, è quello che le foto in basso dimostrano. “Se da un verso sembra essere irreparabilmente sfregiato – ha continuato Marasco -, dall'altro, forse un po' più nascosto e intimo, invece è prepotentemente vivo e lì dove l'arsura sembrava aver preso tutto, la tenacia silente dei pini e delle ginestre ridona al ‘formidabil monte’ quel fascino che solo la Natura sa offrire. E noi che lo abbiamo sempre amato, e che continueremo ad amarlo in modo spropositato e incondizionato, siamo felici di poter godere di queste impareggiabili bellezze, sempre nel rispetto assoluto di quell'entità che la nostra ‘Montagna che vive’ nasconde in seno”.

VAI ALLE FOTO


Dì la tua...

 

Leggi i commenti

non ci sono commenti

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi