Martedì, 16 luglio 2019

 
 
 

Spaccio al Piano Napoli: un linguaggio in codice per definire modi e tempi della consegna

Centinaia le cessioni di droga documentate in tutto l’hinterland, direttamente a domicilio: 15 arresti per un volume d’affari di circa 72mila euro al mese

09-07-2019
di Marco De Rosa

versione accessibile dell'articolo

 

Vendevano stupefacenti al Piano Napoli di Boscoreale e spedivano la merce direttamente a domicilio, su richiesta telefonica.

I carabinieri all’alba di martedì 9 luglio 2019 hanno eseguito 15 ordinanze di custodia cautelare (10 in carcere, 5 agli arresti domiciliari, ndr) emesse dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica locale: gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti.

Un blitz che ha coinvolto vari comuni: Boscoreale, Napoli, Terzigno, Boscotrecase, Pompei e Giugliano in Campania. Smantellata una maxi rete operante in tutto il quartiere popolare di Boscoreale e in tutto l’hinterland a sud di Napoli.

Le richieste di droga avvenivano via cellulare, attraverso schede sim intestate a persone inesistenti: le consegne venivano effettuate nei comuni dell'area vesuviana e del vicino agro nocerino - sarnese. Gli acquirenti usavano un linguaggio criptico per definire quantità e qualità dello stupefacente oggetto della compravendita. Sarebbero centinaia le cessioni documentate, prevalentemente di cocaina (in misura minore hashish e marijuana), per un volume d’affari di circa 2.400 euro al giorno, pari a circa 72mila mensili.

VAI AL VIDEO


Dì la tua...

 

Leggi i commenti

non ci sono commenti

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi