Martedì, 17 luglio 2018

 
 
 

Lavoro nero per una fabbrica di costumi: scattano sigilli e denunce

Il blitz dell’8 marzo. Nei guai la responsabile dell’azienda: sette donne lavoravano senza regolare contratto

09-03-2018
di Redazione

 

Lavoratrici in nero in una nota azienda di costumi. Con un blitz dei Carabinieri, è stata scoperta una fabbrica del lavoro in nero.

Il caso vuole che proprio nel giorno dell’8 marzo, in una data che usualmente viene segnata come una sorta di “celebrazione” del genere femminile, la Festa della Donna, erano proprio loro che, rinchiuse fra quattro mura, lavoravano senza regolare contratto per un’azienda di costumi locale, molto nota in zona.

A Sant’Antonio Abate, sono 7 le giovani donne impiegate “a nero”, tutte tra i 25 ed i 35 anni e dei comuni limitrofi, sedute davanti alle macchine da cucire a realizzare costumi da bagno. L’amministratrice, una 36enne di Santa Maria la Carità, le aveva assunte senza regolare contratto: solamente 3 persone, su quelle controllate, erano inquadrati regolarmente. La donna è stata denunciata, l’attività sospesa.



Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi