Martedì, 26 marzo 2019

 
 
 

Lei vuole lasciarlo, lui la picchia e le mette il guinzaglio

Aggressione e umiliazione in strada. Arrestato l’orco: condannato (con pena sospesa) a 1 anno e 4 mesi

02-01-2019
di Marco De Rosa

versione accessibile dell'articolo

 

Lei lo lascia, lui le mette il guinzaglio del cane al collo. E’ accaduto nei pressi dei gradoni di Chiaia a Napoli.

La vittima aveva deciso di lasciare il suo compagno, ma è stata raggiunta dall’uomo che l’ha prima colpita con pugni e schiaffi e poi le ha messo al collo il guinzaglio del cane della donna, in quel momento svenuta a terra.

L’uomo è stato arrestato dalla polizia municipale accorsa sul posto. Agli agenti l'uomo ha detto che la donna era svenuta per un malore e che lui stava tentando di farla rinvenire ma le persone presenti sul posto continuavano a inveire contro di lui. Dopo le prime cure dei sanitari del 118, la donna è stata portata in ospedale: ha riferito che il suo compagno per gelosia era solito reagire in modo violento. E l'ultimo episodio era la reazione alla decisione di lasciarlo. Le sono stati riscontrati traumi guaribili in 21 giorni.

L'uomo, invece, è stato dapprima portato in un vicino locale pubblico anche per sottrarlo all'ira della folla e poi negli uffici della polizia locale dove è stato identificato.

La vittima è stata raggiunta in strada dove era in attesa di un taxi. Quindi, secondo quanto ricostruito, è stata strattonata e colpita con pugni e schiaffi. Poi l'aggressore ha preso il guinzaglio del cane e lo ha messo al collo della donna. Arrestato su disposizione del pm di turno, l'uomo è stato giudicato per direttissima e condannato a un anno e quattro mesi (con pena sospesa, ndr) oltre alla applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima.


Dì la tua...

 

Leggi i commenti

non ci sono commenti

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi