Sabato, 23 marzo 2019

 
 
 

Pompei, bar vicini al Santuario erano base del clan Cesarano

Sequestro da 120mila euro da parte della guardia di finanza. Gli esercizi erano intestati a dei prestanome

07-01-2019
di Redazione

versione accessibile dell'articolo

 

Operazione della guardia di finanza a Pompei. Le fiamme gialle hanno sequestrato due attività commerciali, dal valore complessivo di 120mila euro, ritenute vicine al clan Cesarano, operante nella zona di Ponte Persica.

I militari di Castellammare hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro, ai sensi del codice antimafia, emesso dalla sezione per l’applicazione delle misure di prevenzione del Tribunale di Napoli, su proposta della Procura distrettuale antimafia.

Dalle indagini è emerso che le due attività commerciali, intestate a dei prestanome, ubicate a pochi passi dal Santuario di Pompei, erano diventate base logistica e operativa del clan Cesarano. Da lì non solo partivano i summit tra sodali, ma anche per la riscossione del racket ai commercianti della zona.


Dì la tua...

 

Leggi i commenti

non ci sono commenti

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi