Mercoledì, 21 agosto 2019

 
 
 

Torre del Greco, sequestrate oltre due tonnellate di rifiuti pericolosi nei pressi dell'ospedale LA FOTO

Trovate lastre di amianto e di eternit da parte della finanza. Due persone denunciate all'autorità giudiziaria

15-05-2019
di Redazione

versione accessibile dell'articolo

 

Il dipendente Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata ha sottoposto a sequestro nel comune di Torre del Greco circa 2 tonnellate di rifiuti e materiali pericolosi del tipo “eternit”.

L’intervento, volto a prevenire e reprimere il fenomeno dell’abbandono incontrollato e dello smaltimento illecito dei rifiuti, ha visto impiegate, in particolare, le fiamme gialle della Compagnia di Torre del Greco, che, con il supporto della Sezione Aerea di Napoli, hanno individuato su un fondo rustico un illecito sito di stoccaggio di lamiere contenenti eternit nonché un capannone costruito proprio con tale pericoloso materiale.

L’amianto - materiale altamente nocivo e riconosciuto come causa di gravissime patologie tumorali - appariva in molti punti frammentato ed esposto agli agenti atmosferici, con conseguente grave rischio di dispersione sia nel terreno sia nell’aria. In specie, parte di tali rifiuti sono apparsi essere stati utilizzati per allestire pensiline di riparo e finanche un capannone di circa 80 mq.

L’area interessata dall’intervento, ubicata a ridosso del locale ospedale “Maresca”, è stata sottoposta a sequestro penale, unitamente ai rifiuti e ai materiali rinvenuti, mentre per 2 responsabili è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria competente per le violazioni perpetrate alle norme contemplate dal codice dell’ambiente.


Dì la tua...

 

Leggi i commenti

non ci sono commenti

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi